Dora Vanelli – Comunicare l'Impresa
Loading
12Nov

Carlo Carrà a Milano

By: doraVanelli \ Comments: 0 \ Date: 12 novembre 2018

Fino al 3 febbraio 2019 Palazzo Reale a Milano dedica una  mostra  a Carlo Carrà (1881 – 1966), uno dei più grandi maestri del Novecento.

Non è tra i miei preferiti e mi sono accostata curiosa di conoscere uno dei protagonisti principali dell’arte italiana e della pittura moderna europea.

Essendo una rassegna antologica mai realizzata ho trovato che fosse un’occasione irripetibile per vedere le 130 opere riunite nelle sale di Palazzo Reale.

C’è tutto il percorso di vita artistica di Carrà; dalle iniziali prove divisioniste, ai grandi capolavori del  futurismo e della metafisica, ai paesaggi e alle nature morte.

Promossa e prodotta dal Comune di Milano-Cultura, Palazzo Reale e Civita Mostre, la mostra è curata da Maria Cristina Bandera con la collaborazione di Luca Carrà, nipote del maestro, fotografo e responsabile dell’archivio di Carlo Carrà.

Ed è proprio grazie a questa collaborazione che  la mostra  intende proporre non solo la produzione artistica di Carrà, ma anche i tratti e i momenti più significativi di quella che lui stesso definisce “una vita appassionata”. E’ pertanto corredata da documenti, fotografie, lettere e numerosi filmati , di cui in prima persona narra  nelle pagine de La mia vita, l’autobiografia che ha scritto nel 1942.

Prezzo al pubblico intero 14 euro; ridotto 12 euro

carlo carrà carlo carrà - capanni al mare - 1927

Read More
20Set

Fabio Sorti e le sue “Istantanee” a Bologna

By: doraVanelli \ Comments: 0 \ Date: 20 settembre 2018

Il 27 settembre 2018 alle 18,30 presso lo Studio Cenacchi Arte Contemporanea di Via Santo Stefano  63 si inaugura la mostra fotografica “Instantanee”.
Scatti più “trovati” che “cercati”, racconta l’autore, Fabio Sorti.

Istanti immediati, unici, colti ed elaborati via smartphone; immagini che coprono un arco di tempo ristretto, due anni.
Fabio Sorti lavora in un’agenzia di marketing “creativo”, non è un fotografo professionista ma ama fotografare; ed è solo osservando  tutte di un fiato le 24 visioni istantanee che capiamo di essere di fronte a scatti sorprendenti dai richiami grafici pittorici oltre che fotografici.
Questo ci dimostra che per fare una buona foto non è necessario avere solo un sensore full frame o un numero illimitato di ISO, ma che serve, sopratutto, quello che viene definito come l’”Occhio e l’anima del fotografo“.

“Nella fotografia esistono, come in tutte le cose, persone che sanno vedere e altre che non sanno nemmeno guardare.” Nadar

Read More
18Set

Il Neorealismo italiano nella Grande Mela

By: doraVanelli \ Comments: 0 \ Date: 18 settembre 2018

Una grande mostra sul Neorealismo italiano arriva a NY. Dal 6 settembre all’8 dicembre, la Grey Art Gallery, il museo delle belle arti della New York University, ospiterà NeoRealismo: The New Image in Italy, 1932-1960, a cura di Enrica Viganò e organizzata da ADMIRA di Milano.

Dall’epoca fascista fino ad arrivare al boom economico, il percorso, suddiviso in cinque sezioni (il realismo in epoca fascista, miseria e ricostruzione, indagine etnografica, fotogiornalismo e rotocalchi, tra arte e documento), analizza l’evoluzione del ruolo della fotografia nel Neorealismo attraverso 180 scatti dei più grandi artisti italiani del tempo.

 

 

 

 

Read More
14Giu

In Provenza sfila la collezione crociera di LV 2019

By: doraVanelli \ Comments: 0 \ Date: 14 giugno 2018

Nicolas Ghesquière, direttore artistico delle linee femminili Louis Vuitton, ha scelto Saint-Paul-de-Vence per presentare la collezione crociera 2019.

Il luogo è il parco della fondazione Maegh posto magico, incantato che  ho visitato qualche anno fa e che mi è rimasto nel cuore.

Capolavoro del modernismo progettato negli anni ’50 dall’architetto catalano Josep Lluìs Sert su commissione dei coniugi Marguerite e Aimé Maeght, collezionisti d’arte, galleristi e mecenati , qui artisti come Léger, Braque, Mirò, Calder, Giacometti si incontravano per scambiarsi idee e realizzavano installazioni permanenti inserite nella natura.

Il 28 maggio, 600 invitati sono qui stati trasportati da vetture  elettriche di colore bianco con il logo LV e fatti accomodare nel labirinto creato da Joan Mirò, trasformato per l’occasione in passerella.

Lo stilista ha sorpreso con alcune meravigliose giacche di piume avanguardiste indossate insieme a miniabiti da sera e notevoli giacche di jeans con i famosi colori della fondazione.

Le cruise di Louis Vuitton sono spesso site specific, ispirate cioè alle caratteristiche del luogo che le ospita e questa collezione non ha fatto eccezioni alla regola: un brillante abito da cocktail nei toni del giallo, bianco e argento sembrava quasi strappato da una ceramica murale del 1953 di Fernand Léger appesa a una delle pareti della Fondazione Maeght.

Un luogo straordinario per un dialogo artistico!

Read More