Dora Vanelli – Comunicare l'Impresa
Loading

Archive for ‘Arte e Cultura’

LR100 – RINASCENTE – STORIES OF INNOVATION

By: doraVanelli \ Comments: 0 \ Date: 24 maggio 2017
Rinascente Stories of innovation

Il Comune di Milano/Cultura, Palazzo Reale e la Rinascente celebrano i 100 anni del nome della grande azienda milanese, con una mostra che racconta un secolo di storia del costume e della cultura di Milano e dell’Italia.

Da oggi, 24 maggio fino al 24 settembre nelle sale dell’appartamento del Principe, al piano nobile, il pubblico potrà scoprire come la Rinascente abbia scandito importanti capitoli di storia del costume e della comunicazione, attraverso una ricercata varietà di opere d’arte, grafica, oggetti di design con contributi inediti.

Il nome “Rinascente” fu ideato da Gabriele D’Annunzio su commissione di Senatore Borletti che comprò i grandi magazzini Bocconi nel lontano 1917 promuovendo innovativi modelli di consumo che contribuirono ad affermare Milano come motore economico italiano.

Modernità e attenzione all’innovazione: un percorso tematico che tocca tutti gli ambiti in cui l’azienda si è distinta per capacità progettuale.

Sono anche esposti 16 oggetti vincitori del Compasso d’Oro tra il 1954 e il 1964 il periodo in cui la Rinascente e ADI (associazione per il disegno industriale) collaborarono più strettamente al premio oltre che opere  di Depero, Munari, Melotti, Fontana, Soldati, Rotella, Warhol, Pistoletto.

Concept and exhibition design a cura di OMA/AMO.

Palazzo Reale, Milano
dal 24 maggio al 24 settembre

 

 

Read More

La Ballerina di Jeff Koons dominerà il Rockfeller Center

By: doraVanelli \ Comments: 0 \ Date: 17 maggio 2017
Seated Ballerina

Dal 2 giugno verrà esposta una meravigliosa installazione di Jeff Koons sulla piazza antistante il Rockfeller Center di Manhattan: una colossale creatura femminile in acciaio inossidabile “Seated Ballerina” seduta su uno sgabello intenta ad infilarsi la scarpetta.

Opera imponente e affascinante, testimonia  come l’arte pubblica possa evolversi col supporto di mecenati e istituzioni e a New York questo è uno dei settori culturali più amati oltre che un business in continua crescita!

La ballerina è come una “venere sulle punte” afferma Koons che è uno degli artisti più corteggiati attualmente,  “potresti vederci la Venere di Willendorf o una delle tante veneri antiche; ho fatto un lavoro sulla bellezza e anche sul senso della contemplazione e della quiete”.

L’opera ha beneficiato dell’apporto economico di un’organizzazione non profit newyorchese nata nel 2000 (APF)  che si occupa di produrre opere d’arte pubbliche particolarmente ambiziose ed è stata commissionata dall’azienda cosmetica Kiehl’s.

Una realtà giovane e simile a quella, di quarantennale esperienza, di Public Art Found che questa primavera ha portato il vortice liquido di Anish Kapoor al Brooklyn Bridge Park e inaugurerà un nuovo progetto di Ai Weiwei.

Vale sempre la pena andare o ritornare a nella Grande Mela, ora abbiamo una ragione in più. Magica NYC , magico Koons!

Jeff Koons

NEW YORK, NY - MAY 12:  A view of of Jeff Koons' Seated Ballerina at Rockefeller Center on May 12, 2017 in New York City.  (Photo by JP Yim/Getty Images)

Read More

Mirò a Bologna

By: doraVanelli \ Comments: 0 \ Date: 20 marzo 2017
Fondazione Mirò -Maiorca

Dopo Freda Kahlo, mostra che peraltro non mi è piaciuta gran che, le sale di Palazzo Albergati aprono a Joan Mirò.

Circa un centinaio le opere in arrivo dalla Fundaciò Pilar i Joan Mirò di Mallorca, la fondazione creata da Mirò e dalla moglie Pilar nel marzo 1981; si trattò di una sorta di testamento artistico del pittore scomparso, a Palma di Maiorca, il giorno di Natale del 1983.

Due volte sono stata alla sua Fondazione di Barcellona, splendido edificio  situato sul Montjuic opera dell’architetto Josep Lluìs Sert che raccoglie oltre 14000 capolavori del poliedrico artista, pittore,  scultore e incisore per cui attendo con impazienza di vedere nella mia città le opere della Fondazione di Maiorca che sono state già celebrate nel 2016 a Milano.

A Palazzo Albergati fino al 30 settembre 2017

 

 

Read More

BIG-GAME

By: doraVanelli \ Comments: 0 \ Date: 19 marzo 2017
LITTLE-BIG-a

Losanna, in una ex fabbrica di infissi entriamo nel laboratorio dei tre amici designer svizzeri; un’amicizia che dura da più di dieci anni che li conduce a progettare oggetti funzionali che tendano a migliorare la qualità della vita.

Big-Game (ovvero “caccia grossa”) si chiama lo studio in cui si lavora in modalità di co-working con grafici e fotografi. Pronti anche quest’anno per la Milano Design week (dal 4 al 9 aprile) la loro prima volta fu nel 2005 dove al Salone satellite presentarono “Animals” , trofei da caccia in compensato dalla forma di testa di alce il cui successo fu inaspettato e mondiale.

Negli anni hanno lavorato con aziende del calibro di Hey, Habitat, Lexon, Alessi e a questo Salone 2017 presenteranno un progetto con Karimoku New Standard e Magia con la quale l’anno scorso realizzarono la sedia per bambini Little Big.

Elric Petit, Grégoire Jeanmonod e Augustin Scott  mi piacciono perché non si prendono troppo sul serio ma sfornano progetti che risolvono e semplificano la quotidianità. E lo scorso anno, hanno vinto l’Hublot Design Prize con il ricavato del quale hanno lanciato una start up a Hong Kong che progetta e produce vassoi bicchieri e posate per le compagnie aeree.

Spazio alle idee quindi e alle soluzioni efficaci!

 

 

 

Read More

AUGURI AL MAESTRO ARNALDO POMODORO

By: doraVanelli \ Comments: 0 \ Date: 21 novembre 2016
Arnaldo Pomodoro

Dal 30 novembre 2016 al 5 febbraio 2017, Milano festeggia i 90 anni di Arnaldo Pomodoro con una grande antologica contemporaneamente allestita in più sedi e un percorso che abbraccerà l’intera città.

Il fulcro espositivo sarà a Palazzo Reale nella Sala delle Cariatidi, La Triennale di Milano e la Fondazione Arnaldo Pomodoro ospiteranno invece altri suoi quattro progetti culturali mentre il  Museo Poldi Pezzoli, nella Sala del Collezionista, si soffermerà sulla passione per il teatro

Completa il percorso espositivo un itinerario artistico che collegherà più punti della città. Da Piazza Meda con il Grande disco, scelto quest’anno dai milanesi come una delle icone simbolo della città, a Largo Greppi con Torre a spirale collocata di fronte al Piccolo Teatro, fino a un luogo tra i più segreti e affascinanti di Milano, Ingresso nel labirinto – un ambiente di circa 170 mq – costruito nei sotterranei dell’edificio ex Riva Calzoni di via Solari 35, già sede espositiva della Fondazione.

La mostra è  curata da Ada Masoero in collaborazione con Skira

Fondazioneimages-1

fondazionearnaldopomodoro.it

info:

30 novembre 2016 – 5 febbraio 2017
Ingresso Palazzo Reale
Intero 8 euro
Ridotto 5 euro

 

Read More

Anche Bologna ospiterà Frida Kalo e la Collezione Gelman

By: doraVanelli \ Comments: 0 \ Date: 1 novembre 2016
frida kalo

Dal 19 novembre a Bologna avremo  Frida Kalo ospite nei saloni di  Palazzo Albergati e organizzata da Athemisia.

Negli ultimi due anni, tra il 2014 e il 2015, l’artista è stata la protagonista indiscussa di due retrospettive  differenti tra loro per il taglio dato dal curatore: una a Roma e una a Genova.

A Bologna avremo un percorso dedicato alla sua storia di donna oltre che di artista, ai ritratti, e autoritratti che giungono direttamente dal Messico .

E accanto a lei, a fare da cornice, gli uomini di Frida: uno su tutti, il pittore e ‘muralista’ Diego Rivera. Accanto alle sue opere, la mostra offrirà infatti  anche alcuni lavori del pittore messicano  l’uomo che l’avvicinò all’arte e che la sposò nel 1929, dando vita ad un matrimonio sofferto ma altamente intenso.

La mostra resterà aperta fino al 26 marzo 2017.

 

Palazzo Albergati, Via Saragozza 28

Apertura tutti i giorno dalle ore 10,00 alle ore 20,00

www.palazzoalbergati.com

 

Read More

22 ottobre a Parigi

By: doraVanelli \ Comments: 0 \ Date: 13 ottobre 2016
Icone dell'arte moderna - Parigi

La collezione del mecenate russo Serguei Chtchoukine viene inaugurata alla Fondazione Louis Vitton di Parigi il 22 ottobre  ed è considerata l’evento autunnale della città.

Favolose opere acquisite da mezzo mondo “Icone dell’arte moderna”, questo il titolo della mostra curata da Anne Baldasarri.

Chtchoukine fu il più rilevante industriale russo del suo tempo nato a Mosca nel 1854 ed esiliato a Parigi per sfuggire alla rivoluzione di Lenin , dove morì nel 1936.

Quella rivoluzione che aveva già toccato la sua collezione (256 i capolavori ufficialmente catalogati) dopo che l’8 novembre 1918 un decreto del Commissario del Consiglio del Popolo, firmato da Lenin, aveva dichiarato che la «storica Galleria  e tutto il suo contenuto sono di proprietà del popolo e sarà tenuta in custodia per la sua educazione. ».

Più di 160 opere presentate in questa meravigliosa location che rivedrò con molto piacere ed interesse, in occasione della mostra che resterà aperta al pubblico fino al 20 febbraio 2107. Per la prima volta la collezione viene ricostruita: Matisse , Cezanne, Pissarro, Gauguin, Picasso, Renoir, Braque; una selezione , che dopo la confisca era stata divisa tra il Puskin di Mosca e l’Ermitage di San Pietroburgo, dove sono ancora oggi conservate molte opere.

I biglietti si acquistano on line , io l’ho già fatto. Prezzo intero euro 16,00

Una bella occasione per tornare a Parigi!

https://billetterie.fondationlouisvuitton.fr

 

 

Read More

A PALAZZO FAVA – BOLOGNA SETTANTA ANNI DI ARTISTI DOPO MORANDI

By: doraVanelli \ Comments: 0 \ Date: 26 settembre 2016
mostra Bologna dopo Morandi

Sono molto felice di poter comunicare che dal 23 settembre all’8 gennaio 2017 , Palazzo Fava inaugura una nuova mostra; dopo l’ultima esperienza che passava in rassegna sette secoli di arte emiliana, ora ci si concentra sul periodo che va dal 1945 fino all’anno scorso.

150 opere di artisti tutti nati o attivi a Bologna e dintorni che hanno influenzato col proprio stile la storia dell’arte bolognese dal secondo dopoguerra al 2015.

“Bologna dopo Morandi 1945-2015” è  curata da Renato Barilli ed  organizzata dalla Fondazione Carisbo e dalla sua società Genus Bononiae; le opere giungono gran parte dalle collezioni della stessa Fondazione Carisbo, dal Mambo e dalla Galleria comunale di Bologna, nonché dagli artisti stessi così come da altre collezioni pubbliche e private.

Un percorso che abbraccerà Romiti, Pozzati, Arcangeli, Ontani, Nanni, fino ad arrivare ai fumettisti e agli artisti di videoart.

Orario apertura

Da martedì a domenica: 10.00 – 19.00 (la biglietteria chiude un’ora prima)

Read More

W. Women in Italian Design

By: doraVanelli \ Comments: 0 \ Date: 5 maggio 2016

Silvana Annicchiarico, direttore del Triennale Design Museum di Milano dedica alle figure femminili del design italiano la mostra: “W. Women in Italian Design” aperta fino al 19 febbraio 2017.

La mostra ricostruisce i progetti di centinaia di donne designer…..ottant’anni per dimostrare che il lettino “Daybed”, un’icona, non fu solo opera del grande Mies van der Rohe ma anche della sua compagna Lilly Reich.

Le donne sono protagoniste di questo mondo e anche all’Università le iscrizioni femminili superano di gran lunga quelle maschili e tutto questo fa riflettere. Donne che hanno voglia di sperimentare, di creare e osare ma anche dotate di una virtù prettamente femminile: la pazienza.

Non a caso la curatrice ha dato spazio, in apertura della mostra, all’arte della tessitura, rifacendosi alle “tela” della mitica Penelope, la donna per antonomasia simbolo della pazienza e impegno femminile.

Read More

DAL 25 MARZO EDWARD HOPPER A BOLOGNA

By: doraVanelli \ Comments: 0 \ Date: 10 marzo 2016

E la nostra città presenta un’altra splendida mostra che richiamerà sicuramente altrettanto pubblico di quelle di Escher o di Wermeer.

Dal 25 marzo  nelle sale di Palazzo Fava, una grande monografica sul pittore americano Edward Hopper, curata da Barbara Haskell in collaborazione con Luca Beatrice.

Sessanta opere di questo superbo disegnatore  (1882-1967) che coprono l’intero arco della sua carriera artistica dagli acquerelli parigini d’inizio Novecento ad alcuni dei più celebri scorci americani.

La mostra è una partnership culturale con il Whitney Museum of American Art di New York, la Fondation de l’Hermitage di Losanna e Arthemisia Group.

La carriera di Hopper è stata infatti particolarmente legata al museo Whitney di New York, che ospitò, oltre che la prima mostra dell’artista nel 1920 presso il Whitney Studio Club, anche quelle degli anni successivi.
La moglie Josephine, dopo la morte del pittore, donò al museo l’intera eredità dell’artista comprendente oltre 2500 opere.

Assolutamente da vedere, fino al 24 luglio, a Bologna!

Read More